I SOGNI: SIGNIFICATO E INTERPRETAZIONE

IWAY - I SogniI sogni rappresentano uno degli strumenti di autoconoscenza più importanti ed utili in quanto ci rivelano a che punto siamo nel nostro cammino evolutivo: ci dicono infatti dove siamo arrivati rispetto ai vari temi che caratterizzano la maturità emotiva (affettività, sicurezza personale, autoaffermazione, relazioni sociali, eccetera). In pratica ci dicono quanto è maturo il nostro amico, il Sé istintivo e quanto siamo stati capaci di istruirlo e farlo crescere.

Sebbene i sogni vengano utilizzati da anni nella psicoterapia classica, ancora oggi sappiamo poco della loro natura; di sicuro hanno a che fare con il Sé istintivo, che durante la notte vive nell’attività onirica, mentre l’Io cosciente dorme. Molto probabilmente il Sé istintivo ha bisogno di una quantità di sonno molto minore rispetto al nostro Io, il suo sonno corrisponde all’incirca a quello che viene definito sonno senza sogni. Nel sonno con sogni invece il Sé istintivo è sveglio e ha una sua attività quasi esclusivamente mentale. Raramente utilizza il corpo fisico e i sensi, perché il suo controllo non è così forte e difficilmente può utilizzare parti del corpo senza che l’Io ne dia il permesso. Ciò accade solamente nel caso del sonnambulismo e nel caso in cui una persona parli ad alta voce o gesticoli durante il sonno.

Per il resto, la sua attività è esclusivamente mentale: nel sonno il Sé istintivo vive esperienze basate sui ricordi e l’emotività che riversa in essi ci rivela il suo grado di maturità. Se ci svegliamo spaventati per un brutto sogno significa che non abbiamo ancora trovato il coraggio di affrontare il tipo di esperienza in esso rappresentato; se ci svegliamo con un profondo dolore al cuore significa che sul piano affettivo abbiamo una ferita aperta che riguarda la situazione sognata. Se facciamo sogni a carattere sessuale significa che non abbiamo appagato questa parte fondamentale della natura umana, oppure che abbiamo lasciato al Sé istintivo troppa libertà nel vivere le sue pulsioni e ora facciamo fatica a governarlo.

In tutti questi casi i sogni ci fanno da cartina di tornasole sul nostro grado di integrazione del Sé istintivo. Se abbiamo sogni che ci disturbano dobbiamo prenderne atto e accettare di aver ancora del lavoro da fare.

Spesso i sogni non sono così chiari ed espliciti. A volte comprendiamo completamente il loro significato, altre volte però ci appaiono ermetici e non riusciamo a interpretarli per la presenza di persone, animali, oggetti che non fanno parte del quotidiano, ma sono simboli che nascondono una realtà che il Sé istintivo non ci rivela immediatamente. Cosa fare in questi casi? Ci sono numerosi libri sull’interpretazione dei sogni, ma ritengo che oggi possano anche indurre in errore. Ad esempio la globalizzazione delle informazioni ha portato a conoscere e ad avvicinarci ad altre culture che hanno simboli molto diversi dai nostri. Ci sono animali che da noi sono considerati in un certo modo e in altre culture assumono un valore a volte diametralmente opposto. Di conseguenza non è più così scontato il loro significato per il nostro Sé istintivo e dare un’interpretazione piuttosto che un’altra potrebbe indurci in errore.

A mio parere il modo migliore per comprendere un sogno che non è facilmente interpretabile è quello di riviverlo. Meglio farlo nel letto, appena svegli, quando il sogno è ancora vivido, ma lo si può fare, magari con un po’ più di difficoltà, anche in un altro momento. Rilassatevi, meglio se siete sdraiati, e provate a lasciare andare i pensieri come durante una meditazione. Quando siete profondamente rilassati provate a rivivere il sogno il più lucidamente possibile e a quel punto entrate nella parte della persona, dell’animale, o dell’oggetto di cui volete capire il significato e il messaggio. Siete quella persona/animale/oggetto e a quel punto chiedetevi: cosa rappresento per ….. (il vostro nome), quale messaggio voglio portargli? Vedrete che vi arriverà intuitivamente la risposta che vi aiuterà ad indirizzare al meglio il vostro percorso di guarigione ed integrazione del Sé istintivo.

Il sogno non è l’unica via di auto conoscenza, ma è uno strumento fantastico perché vi dice che il Sé istintivo è disposto a collaborare con voi e a farvi  sapere di cosa ha bisogno per essere maturo e felice. Tratteremo del sogno anche durante la prossima Psico Vacanza che ha come tema il terzo occhio, quello che ci permette di conoscere più profondamente noi stessi.

Parzialmente tratto dal libro “L’Inconscio per Amico”

Condividi su Facebook

(Visited 722 times, 1 visits today)

Join the discussion Un commento

  • Antonella scrive:

    Allora la psico vacanza di quest’anno fa proprio per me :-) !
    Il mondo dei sogni ha un fascino che allo stesso tempo attira e nutre l’anima. Nella mia vita è da quando ero ancora piccola (sui 12 anni) che i sogni ricoprono un ruolo importante è molto significativo. Quello dell’altra notte mi ha lasciato con una sensazione di una piacevolezza per molto tempo durante il giorno. :-)

Commenta